degasperi logo
European Heritage Label
degasperi logo
giardinocamp slide
Giardinosett slide
eventogiardino2 slide
giardinocentro slide
giardinopan slide
aiuolebasse slide
Giardinogiugno slide

Struttura e modelli

Struttura e modelli

Realizzato nel 2010 sul favorevole pendio dei prati dell’Arboreto, a valle di Pieve Tesino, rievoca il disegno del teatro antico, forma architettonica ideale senza tempo, modello del Parlamento europeo, simbolo dei valori di democrazia e libertà.

Il grande spazio fiorito, un’elegante composizione di aiuole in acciaio corten color ruggine, si trova ad un’altitudine di 850 metri e si estende per circa mille metri quadrati. Le quattro gradonate sono suddivise in tre settori, con due aiuole al centro dell’emiciclo a completare il disegno.

L’identità del Giardino di Pieve Tesino nasce dalla consapevolezza che riconosce l’importanza e la bellezza delle piante in natura, si ricollega all’arte del giardino e insieme a fattori paesaggistici e a significati storici e simbolici hanno guidato il progetto e sono stati ispiratori di una nuova opera.

Un modello che ha ispirato il Giardino è quello degli orti-giardino, in particolare dell’ambiente del Tesino. Le aiuole rialzate in acciaio corten richiamano infatti il sistema di coltivazione in montagna e in collina posti su pendii: l’uso produttivo degli orti-frutteti, che avevano accanto agli ortaggi, anche fiori e piante aromatiche e medicinali, è di tradizione molto antica.

Il piacere del coltivare è oggi tornato attuale nella sua utilità e bellezza; la struttura del giardino si collega alle aiuole degli orti – del passato e del presente – fatte con laste di pietra, legname, intrecciate, terrazzamenti con muri a secco, fino all’uso del cemento.

Un secondo modello a cui si è ispirato il Giardino fa riferimento al “bordo misto”, frutto anche degli studi e delle sperimentazioni dell’irlandese William Robinson, che nel 1881 pubblicò il suo famoso 'The wild garden'. Egli difendeva la consociazione fra specie rustiche ed erbacee perenni provenienti da vari ambienti, sulla base di considerazioni scientifiche, con “effetti ben riusciti” in gruppi, aiuole e bordure ad imitazione di quanto fa la natura nei suoi luoghi selvatici. Il bordo misto vuole infatti in un certo senso emulare la natura, facendo crescere insieme, in armonica mescolanza, piante di specie diversa i cui fiori si presentano in sapiente e piacevole accordo di forme e di colori.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti, necessari per la fruizione del servizio.

Leggi l'informativa