degasperi logo
European Heritage Label
degasperi logo
De Gasperi alla Consulta con alcuni ministri slide
Sella Valsugana, 15 agosto 1954 slide
Alcide e Francesca slide
Maria Romana De Gasperi con il padre slide
De Gasperi con la moglie e la figlia Maria Romana slide
6 agosto 1953, pausa a Sella Valsugana slide
A colloquio con Chuchill slide
Palazzo del Viminale
De Gasperi consegna il premio a un Giovane slide
Adenauer e De Gasperi slide
De Gasperi con la figlia Maria Romana e l ambasciatore Alberto Tarchiani slide
Adenauer, De Gasperi e Shuman slide
De Gasperi con le figlie Maria Romana e Lucia slide
Comizio di De Gasperi a Predazzo slide
De Gasperi slide
De Gasperi, Schumann, Adenauer slide
VII Congresso Coldiretti Roma, Stadio di Domiziano slide
Lucia De Gasperi tra i genitori nel giorno della vestizione slide
Alcide slide
Schuman e De Gasperi Europa slide
De Gasperi con la moglie Francesca Conferenza di Pace di Parigi slide
Con Carlo Sforza a Londra slide
De Gasperi con Pleven, Schuman e Sforza slide
De Gasperi Piazza del Duomo slide
De gasperi Alcide slide
Alcide De Gasperi sotto sorveglianza slide
Prima seduta dell Assemblea Costituente slide
DE Gasperi con Chuchill e Sforza slide
Alcide De Gasperi nella sua biblioteca di Sella slide
La Famiglia De Gasperi slide
Alcide e il nipotino Giorgio slide
Mac Millan, De Gasperi, Churchill, Sforza, Eden, Gallarati Scotti slide
Vanoni, Mattarella, Pastore, De Gasperi, Piccioni, Dossetti e Fanfani slide
Alcide De Gasperi1904 slide
De Gasperi con George Marshall slide
De Gasperi alla Presidenza dell Assemblea della CECA slide
De gasperi con la figlia Lia a 2 anni slide
Il discorso ai Ventuno, al Palazzo del Lussemburgo slide
Roma, De Gasperi firma per gli aiuti d emergenza slide
Associazione studentesca slide
De Gasperi immagine slide
Posa della prima pietra di De Gasperi di una casa del piano Fanfani slide
De Gasperi insignito del premio Carlo Magno , Aquisgrana slide
La folla riunita in Piazza Duomo a Trento slide
Nello studio del presidente Truman alla Casa Bianca slide
De Gasperi foto slide
De Gasperi arrabbiato slide

Periodo asburgico

Periodo asburgico

1881

3 aprile - Nasce a Pieve Tesino da Amedeo Degasperi e Maria Morandini.

1898

16 agosto - Prende parte a Cles al primo convegno degli studenti cattolici trentini.

1899

8 agosto - Partecipa a Pergine al primo congresso dell'Associazione Universitaria Cattolica Trentina (AUCT).

1900

20 luglio - Consegue la maturità presso l'Imperial Regio Liceo di Trento (l'attuale Liceo classico G. Prati).

Autunno - Si trasferisce a Vienna, dove si iscrive alla Facoltà di Lettere. Intanto scrive articoli per il quotidiano di Trento "La Voce Cattolica" e per la "Reichspost", organo dei cristiano-sociali austriaci.

1901

17-22 settembre - Interviene a Mezzocorona al IV Congresso degli universitari cattolici trentini. Al termine viene eletto segretario dell'Associazione.

1902

Marzo - Si reca a Roma in compagnia del professor Ernst Commer, in qualità di suo accompagnatore, segretario e interprete. Incontra Romolo Murri, Antonio Fogazzaro e viene ricevuto in udienza da papa Leone XIII (26 marzo).

28-31 agosto - Prende parte al V Congresso degli universitari cattolici trentini, che si svolge a Trento nell'ambito del I° Congresso Cattolico Trentino.

Ottobre - Parla a Vienna come rappresentante degli studenti cattolici per la richiesta di un’università italiana a Trieste.

1903

8 settembre - Presiede a Caldonazzo il VI congresso dell'AUCT.

1904

4 ottobre - Viene prescelto, mediante un "contratto di locazione d'opera" firmato da don Guido de Gentili, come nuovo direttore de "La Voce Cattolica".

19 ottobre - È nel direttivo dell'Unione politica popolare del Trentino, costituitasi a Trento sotto la presidenza di monsignor Baldassarre Delugan.

3 novembre - A Innsbruck, al termine dell'inaugurazione di un corso in lingua italiana, presso la Facoltà di Giurisprudenza, gli studenti italiani si scontrano con una folla ostile di cittadini e studenti tedeschi. Gli studenti italiani, in numero di gran lunga minore, si barricano negli alberghi "Croce bianca" e "Rosa d'oro". De Gasperi viene arrestato assieme ad altri 137 studenti italiani in seguito a quei tafferugli.

1905

19 luglio - Consegue "con distinzione" la laurea in filologia moderna, discutendo una tesi intitolata "Die glücklichen Bettler von Carlo Gozzi und ihre deutschen Bearbeitungen".

27 agosto - In un comizio a Riva del Garda parla in favore di una proposta governativa per un'università a Trento. Gli risponde in contraddittorio Cesare Battisti accusandolo di opportunismo.

1 settembre - Assume la direzione de "La Voce Cattolica".

1906

15 gennaio - A ventitré anni, muore suo fratello Mario, sacerdote.

17 marzo - "La Voce Cattolica" diventa "II Trentino".

1909

7 marzo - A Merano si confronta in un dibattito con Benito Mussolini, in quel momento impegnato presso la Camera del Lavoro di Trento e il giornale socialista "Il Popolo"

15 dicembre - Viene eletto consigliere nel Comune di Trento.

1910

3 dicembre - Muore la madre, Maria.

1911

17 luglio - Viene eletto deputato, con i popolari, al Parlamento di Vienna.

1912

7 ottobre - Partecipa alla prima riunione delle Delegazioni, organo consultivo della monarchia, formato da rappresentanti dei due Parlamenti di Vienna e di Budapest.

1914

6 maggio - Viene eletto alla Dieta di Innsbruck, sempre con i popolari.

28 luglio - II Parlamento di Vienna viene chiuso.
Settembre - Si reca a Roma, dove incontra diverse personalità politiche e diplomatiche per caldeggiare la neutralità italiana nella prima guerra mondiale.

1915

Febbraio - Incontra, a Vienna, Friedrich Funder, direttore della "Reichspost", per discutere delle voci riguardo a una cessione pacifica del Trentino all'Italia.

Marzo - Nel corso del suo terzo viaggio in Italia, tiene colloqui con il ministro degli Esteri Sydney Sonnino (giorno 16) e con quello del Tesoro Filippo Meda.

22 maggio - "II Trentino" sospende le pubblicazioni.

24 maggio - Con il vicepodestà di Trento, Francesco Menestrina, parte per Salisburgo, per chiedere spiegazioni riguardo alla massiccia deportazione dei trentini in Austria, Boemia e Moravia. A Innsbruck i due vengono bloccati dal luogotenente Toggenburg che li informa dello scioglimento d'ufficio del consiglio comunale di Trento.

28 giugno - Dà vita al Bollettino del segretariato per richiamati e profughi.

25 luglio - Lascia il Trentino per Vienna.

Agosto - A Vienna, assieme a monsignor Baldassarre Delugan, entra a far parte del "Comitato di soccorso per i profughi meridionali". Visita i profughi trentini dell'Austria Superiore e di Boemia, denunciando al governo centrale le condizioni disumane in cui venivano costretti a vivere.

1917

31 maggio - Riapre il Parlamento austriaco.

12 giugno - In un’interpellanza al primo ministro denuncia gli arresti e le violente deportazioni compiute tra la gente trentina. L'interpellanza rimarrà senza risposta.

15 luglio - Su sua richiesta il Parlamento chiede al Governo l'immediata liberazione di internati e confinati.

28 settembre - Denuncia al Parlamento austriaco l'esecuzione di Cesare Battisti avvenuta nel luglio del 1916.

16 novembre - Presenta una nuova interpellanza al ministro della Difesa e a quello degli Interni in merito al versamento di un sussidio di sostentamento ai profughi.

1918

1-11 ottobre - Ultimi due discorsi al Parlamento di Vienna.

24 ottobre - A Vienna è segretario del costituendo Fascio Nazionale Italiano, un'associazione che riunisce tutti i deputati italiani (trentini e adriatici) popolari e liberali.

27 ottobre - Si reca in Svizzera con gli onorevoli Conci e Malfatti. Qui prende contatti con il ministro plenipotenziario italiano a Berna per negoziare aiuti alla gente trentina.

6 novembre - A Roma viene accolto alla stazione dal sottosegretario Ferdinando Martini. Seguiranno colloqui con Orlando, Sonnino e Salandra.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti, necessari per la fruizione del servizio.

Leggi l'informativa