degasperi logo
European Heritage Label
degasperi logo
Maria Romana De Gasperi slide
Lectio degasperiana 14 slide
Pietro Scoppola1 slide
Lectio degasperiana5 slide
pubblico Lectio slide
Pietro Scoppola 3 slide
Lectio degasperiana 6 slide
Lectio degasperiana 8 slide
Lectio degasperiana 4 slide
Lectio degasperiana 7 slide
Lectio degasperiana 2 slide
Lectio degasperiana 9 slide

Lectio degasperiana 2004

Lectio degasperiana 2004

19 agosto 2004

-

De Gasperi fra passato e presente

Pietro Scoppola

Pietro Scoppola (1927-2007) è stato uno dei più importanti storici italiani e una figura di riferimento per più di una generazione di cattolici democratici. Funzionario del Senato della Repubblica, ha insegnato nel 1968 nella facoltà di Sociologia dell’Università di Trento, e poi ha avuto la cattedra di Storia contemporanea nelle Facoltà di Magistero (1974-1987) e di Scienze politiche (1987-1999) dell’Università di Roma “La Sapienza”. Direttore della rivista il Mulino (1974-78), è stato eletto senatore (1983-87), come indipendente nelle liste della Democrazia Cristiana. Ha fondato il movimento politico culturale della Lega Democratica di cui ha diretto a lungo la rivista «Appunti di cultura e di politica». É stato tra i principali ispiratori dell’Ulivo e del Partito Democratico.

Ha condotto studi sulla storia del movimento cattolico, della Democrazia cristiana (Crisi modernista e rinnovamento cattolico in Italia, 1961; Coscienza religiosa e democrazia nell’Italia contemporanea, 1966; Chiesa e Stato nella storia d’Italia, 1967; La Chiesa e il fascismo, 1971; La proposta politica di de Gasperi, 1977; La “nuova cristianità” perduta, 1985) e sulla storia dell’Italia repubblicana (25 aprile. Liberazione, 1995; La Costituzione contesa, 1998), soprattutto con il grande affresco La repubblica dei partiti, (1997), che ripercorre la storia della Repubblica dalle sue origini alla crisi degli anni Novanta. Nel 2005 ha pubblicato una fortunata intervista, a cura di G. Tognon, su La democrazia dei cristiani. Il cattolicesimo politico nell’Italia unita. È stato membro della Giunta Centrale per gli studi Storici, del Comitato scientifico dell’Istituto della Enciclopedia italiana e del Comitato nazionale dell’Unesco.

Le edizioni della Lectio


 

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti, necessari per la fruizione del servizio.

Leggi l'informativa