degasperi logo
European Heritage Label
degasperi logo
De Gasperi consegna il premio a un Giovane slide
Adenauer, De Gasperi e Shuman slide
De Gasperi con la moglie e la figlia Maria Romana slide
Mac Millan, De Gasperi, Churchill, Sforza, Eden, Gallarati Scotti slide
De Gasperi slide
Sella Valsugana, 15 agosto 1954 slide
La Famiglia De Gasperi slide
De Gasperi alla Consulta con alcuni ministri slide
De gasperi con la figlia Lia a 2 anni slide
De Gasperi con Pleven, Schuman e Sforza slide
Adenauer e De Gasperi slide
De Gasperi con le figlie Maria Romana e Lucia slide
De Gasperi con la moglie Francesca Conferenza di Pace di Parigi slide
Schuman e De Gasperi Europa slide
De gasperi Alcide slide
Alcide De Gasperi nella sua biblioteca di Sella slide
Alcide De Gasperi sotto sorveglianza slide
De Gasperi con la figlia Maria Romana e l ambasciatore Alberto Tarchiani slide
Il discorso ai Ventuno, al Palazzo del Lussemburgo slide
De Gasperi immagine slide
Nello studio del presidente Truman alla Casa Bianca slide
De Gasperi, Schumann, Adenauer slide
Alcide e Francesca slide
Comizio di De Gasperi a Predazzo slide
VII Congresso Coldiretti Roma, Stadio di Domiziano slide
Maria Romana De Gasperi con il padre slide
Alcide De Gasperi1904 slide
Roma, De Gasperi firma per gli aiuti d emergenza slide
De Gasperi alla Presidenza dell Assemblea della CECA slide
De Gasperi con George Marshall slide
Palazzo del Viminale
La folla riunita in Piazza Duomo a Trento slide
6 agosto 1953, pausa a Sella Valsugana slide
DE Gasperi con Chuchill e Sforza slide
Associazione studentesca slide
A colloquio con Chuchill slide
De Gasperi Piazza del Duomo slide
Lucia De Gasperi tra i genitori nel giorno della vestizione slide
Posa della prima pietra di De Gasperi di una casa del piano Fanfani slide
Alcide e il nipotino Giorgio slide
Vanoni, Mattarella, Pastore, De Gasperi, Piccioni, Dossetti e Fanfani slide
De Gasperi arrabbiato slide
Prima seduta dell Assemblea Costituente slide
De Gasperi foto slide
De Gasperi insignito del premio Carlo Magno , Aquisgrana slide
Alcide slide
Con Carlo Sforza a Londra slide

Periodo asburgico

Periodo asburgico

1881

3 aprile - Nasce a Pieve Tesino da Amedeo Degasperi e Maria Morandini.

1898

16 agosto - Prende parte a Cles al primo convegno degli studenti cattolici trentini.

1899

8 agosto - Partecipa a Pergine al primo congresso dell'Associazione Universitaria Cattolica Trentina (AUCT).

1900

20 luglio - Consegue la maturità presso l'Imperial Regio Liceo di Trento (l'attuale Liceo classico G. Prati).

Autunno - Si trasferisce a Vienna, dove si iscrive alla Facoltà di Lettere. Intanto scrive articoli per il quotidiano di Trento "La Voce Cattolica" e per la "Reichspost", organo dei cristiano-sociali austriaci.

1901

17-22 settembre - Interviene a Mezzocorona al IV Congresso degli universitari cattolici trentini. Al termine viene eletto segretario dell'Associazione.

1902

Marzo - Si reca a Roma in compagnia del professor Ernst Commer, in qualità di suo accompagnatore, segretario e interprete. Incontra Romolo Murri, Antonio Fogazzaro e viene ricevuto in udienza da papa Leone XIII (26 marzo).

28-31 agosto - Prende parte al V Congresso degli universitari cattolici trentini, che si svolge a Trento nell'ambito del I° Congresso Cattolico Trentino.

Ottobre - Parla a Vienna come rappresentante degli studenti cattolici per la richiesta di un’università italiana a Trieste.

1903

8 settembre - Presiede a Caldonazzo il VI congresso dell'AUCT.

1904

4 ottobre - Viene prescelto, mediante un "contratto di locazione d'opera" firmato da don Guido de Gentili, come nuovo direttore de "La Voce Cattolica".

19 ottobre - È nel direttivo dell'Unione politica popolare del Trentino, costituitasi a Trento sotto la presidenza di monsignor Baldassarre Delugan.

3 novembre - A Innsbruck, al termine dell'inaugurazione di un corso in lingua italiana, presso la Facoltà di Giurisprudenza, gli studenti italiani si scontrano con una folla ostile di cittadini e studenti tedeschi. Gli studenti italiani, in numero di gran lunga minore, si barricano negli alberghi "Croce bianca" e "Rosa d'oro". De Gasperi viene arrestato assieme ad altri 137 studenti italiani in seguito a quei tafferugli.

1905

19 luglio - Consegue "con distinzione" la laurea in filologia moderna, discutendo una tesi intitolata "Die glücklichen Bettler von Carlo Gozzi und ihre deutschen Bearbeitungen".

27 agosto - In un comizio a Riva del Garda parla in favore di una proposta governativa per un'università a Trento. Gli risponde in contraddittorio Cesare Battisti accusandolo di opportunismo.

1 settembre - Assume la direzione de "La Voce Cattolica".

1906

15 gennaio - A ventitré anni, muore suo fratello Mario, sacerdote.

17 marzo - "La Voce Cattolica" diventa "II Trentino".

1909

7 marzo - A Merano si confronta in un dibattito con Benito Mussolini, in quel momento impegnato presso la Camera del Lavoro di Trento e il giornale socialista "Il Popolo"

15 dicembre - Viene eletto consigliere nel Comune di Trento.

1910

3 dicembre - Muore la madre, Maria.

1911

17 luglio - Viene eletto deputato, con i popolari, al Parlamento di Vienna.

1912

7 ottobre - Partecipa alla prima riunione delle Delegazioni, organo consultivo della monarchia, formato da rappresentanti dei due Parlamenti di Vienna e di Budapest.

1914

6 maggio - Viene eletto alla Dieta di Innsbruck, sempre con i popolari.

28 luglio - II Parlamento di Vienna viene chiuso.
Settembre - Si reca a Roma, dove incontra diverse personalità politiche e diplomatiche per caldeggiare la neutralità italiana nella prima guerra mondiale.

1915

Febbraio - Incontra, a Vienna, Friedrich Funder, direttore della "Reichspost", per discutere delle voci riguardo a una cessione pacifica del Trentino all'Italia.

Marzo - Nel corso del suo terzo viaggio in Italia, tiene colloqui con il ministro degli Esteri Sydney Sonnino (giorno 16) e con quello del Tesoro Filippo Meda.

22 maggio - "II Trentino" sospende le pubblicazioni.

24 maggio - Con il vicepodestà di Trento, Francesco Menestrina, parte per Salisburgo, per chiedere spiegazioni riguardo alla massiccia deportazione dei trentini in Austria, Boemia e Moravia. A Innsbruck i due vengono bloccati dal luogotenente Toggenburg che li informa dello scioglimento d'ufficio del consiglio comunale di Trento.

28 giugno - Dà vita al Bollettino del segretariato per richiamati e profughi.

25 luglio - Lascia il Trentino per Vienna.

Agosto - A Vienna, assieme a monsignor Baldassarre Delugan, entra a far parte del "Comitato di soccorso per i profughi meridionali". Visita i profughi trentini dell'Austria Superiore e di Boemia, denunciando al governo centrale le condizioni disumane in cui venivano costretti a vivere.

1917

31 maggio - Riapre il Parlamento austriaco.

12 giugno - In un’interpellanza al primo ministro denuncia gli arresti e le violente deportazioni compiute tra la gente trentina. L'interpellanza rimarrà senza risposta.

15 luglio - Su sua richiesta il Parlamento chiede al Governo l'immediata liberazione di internati e confinati.

28 settembre - Denuncia al Parlamento austriaco l'esecuzione di Cesare Battisti avvenuta nel luglio del 1916.

16 novembre - Presenta una nuova interpellanza al ministro della Difesa e a quello degli Interni in merito al versamento di un sussidio di sostentamento ai profughi.

1918

1-11 ottobre - Ultimi due discorsi al Parlamento di Vienna.

24 ottobre - A Vienna è segretario del costituendo Fascio Nazionale Italiano, un'associazione che riunisce tutti i deputati italiani (trentini e adriatici) popolari e liberali.

27 ottobre - Si reca in Svizzera con gli onorevoli Conci e Malfatti. Qui prende contatti con il ministro plenipotenziario italiano a Berna per negoziare aiuti alla gente trentina.

6 novembre - A Roma viene accolto alla stazione dal sottosegretario Ferdinando Martini. Seguiranno colloqui con Orlando, Sonnino e Salandra.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti, necessari per la fruizione del servizio.

Leggi l'informativa